Warsaw 22.8 ºC
1 EUR = 4.75 PLN
Contattaci
Persone che preparano i pierniki all'interno di un museo a Torun

Lungo le sponde della Vistola che attraversa le terre di Cuiavia-Pomerania, snodandosi per le città di Włocławek, Ciechocinek, Toruń, Chełmno fino a Grudziądz a coltivare le tradizioni culinarie sono gli appassionati dei sapori regionali. I produttori, gli operatori turistici, i proprietari dei ristoranti e agriturismi condividono con gli ospiti ciò che hanno di meglio: la genuina cucina locale guarnita con una grande manciata di simpatia e cordialità.

Foto di un campo di colza; sullo sfondo la città di Chełmno

Campi di colza sullo sfondo di Chełmno

La regione di Cuiavia-Pomerania offre numerose attrazioni turistiche di grande valore storico: l’architettura gotica di Toruń, Chełmno e Bierzgłowo, il palazzo barocco di Ostromecko, il museo all’aperto di Biskupin (sito archeologico risalente all'età del ferro appartenente alla cultura lusaziana), monumenti della cultura mennonita. Con una tale ricchezza e diversità culturale la cucina di Cuiavia-Pomerania non può che essere altrettanto variopinta.

A renderla ancora più interessante e genuina è il grande valore naturalistico di queste terre con terreno variegato e un microclima che da centinaia di anni favorisce agricoltura, frutticoltura e apicoltura.

Uno dei modi migliori per scoprire questo curioso patrimonio culinario è partecipare al Festival del Gusto (Festiwal Smaku) a Gruczno che quest’anno si svolge il 24-25 agosto. È uno dei più importanti eventi gastronomici della Polonia settentrionale che raduna gli amanti dei prodotti naturali e genuini. Durante il festival è possibile assaggiare varietà locali dei mieli, salumi, liquori e confetture.

Uno dei prodotti di spicco della regione di Cuiavia-Pomerania è la carne d’oca, soprattutto quella degli allevamenti di Kołuda Wielka. Cosiddetta młoda polska gęś owsiana (ovvero giovane oca polacca nutrita con l’avena) gode di grande popolarità sia tra la popolazione locale sia come prodotto di esportazione. Dalla prelibata carne d’oca si producono numerosi prodotti regionali tra cui gęsi pipek (collo di oca farcito), półgęsek (petto di oca affumicato), i patè, lo strutto… Ogni anno a novembre nel villaggio di Przysiek si svolge la sagra dell’oca. L’oca infatti viene consumata soprattutto l’11 novembre – il giorno di San Martino che coincide con la Festa nazionale dell’Indipendenza. Secondo la leggenda San Martino era una persona estremamente modesta che per evitare l’ordinazione episcopale si era nascosto in un ocaio. Ma le oche facendo troppi versi hanno fatto scoprire il nascondiglio e da quel momento bisognava farle cuocere… in segno di punizione.

In queste zone si allevano anche le pecore, ci si producono formaggi tradizionali e la carne di agnello è molto apprezzata. Altre carni che meritano attenzione è decisamente la carne suina – Cuiavia-Pomerania è una delle regioni in cui si produce la salsiccia bianca kiełbasa biała parzona wielkopolska a marchio IGP - ma anche carne di capra dall’allevamento biologico di Dobrzyń.

Toruń è gastronomicamente famosa per i pierniki: i biscotti di pan di zenzero che vengono prodotti qui da centinaia di anni. Nel passato proprio con questi dolci si onorava ogni visita del re nella città. A Toruń esiste addirittura un museo dedicato a questo gustoso dolcetto e ogni anno a giugno si svolge la sua sagra.

Foto che mostra due persone nel Museo Vivo dei Pierniki a Torun, in PoloniaIl Museo del pan di zenzero di Toruń

Una delle versioni più amate di pierniki di Toruń sono quelli con ripieno alla prugna. Infatti, la regione di Cuiavia-Pomerania è un importante produttore di questo frutto, soprattutto la zona di Strzelce Dolne dove a settembre viene organizzata anche la sagra della prugna.


Foto di prugne in un cesto

E infine un tocco floreale! Per gustare al meglio le prelibatezze locali vi consigliamo di accompagnarle con un bicchiere di vino di… fiordaliso, un’altra specialità regionale di Cuiavia-Pomerania.

Cuiavia-Pomerania – cosa fare, cosa vedere? Scoprilo nel NOSTRO ARTICOLO SULLA REGIONE.

Se vuoi saperne di più iscriviti alla nostra newsletter