Warsaw 23.9 ºC
1 EUR = 4.75 PLN
Contattaci
Le Miniere di Krzemionki diventano patrimonio UNESCO

Ottime notizie per la Regione della Santacroce, il regno geologico della Polonia, : le antiche Miniere di Selce a Krzemionki diventano il sedicesimo sito polacco che entra a far parte del Patrimonio dell’umanità UNESCO. Si tratta delle preistoriche miniere di selce tigrata - detta anche "il diamante polacco" o "pietra dell’ottimismo” - di Krzemionki, nei pressi di Ostrowiec Świętokrzyski, dove questa pietra ha una struttura unica al mondo. 

Le miniere possiedono lo stato di Museo e Riserva Archeologico-Naturale e grazie alla loro unica architettura dei sotterranei, al paesaggio post-minerario perfettamente conservato e lo straordinario interesse scientifico si trovano sotto protezione archeologica e naturalistica. Krzemionki sono una miniera dell’epoca neolitica e la prima età del bronzo (circa 3900-1600 a.C.). È una delle più grandi e meglio conservate strutture di questo tipo al mondo.

I giacimenti di Krzemionki si estendono a circa 80 ettari all’interno dei quali si trovano oltre 4000 miniere di 9 metri di profondità. La superficie delle singole cavità arriva a 800 m2. Dalla selce estratta si producevano per esempio le asce che venivano esportate in gran parte dell’Europa Centrale.

Attualmente la più grande attrazione turistica di Krzemionki è il percorso sotterraneo di quasi mezzo chilometro. È l’unico percorso aperto al pubblico di questo tipo in una struttura del genere al mondo. Per i visitatori è disponibile anche l’insediamento neolitico  ristrutturato, dove vengono organizzate lezioni e laboratori archeologici. Nelle nuove stanze espositive è possibile visitare una moderna mostra archeologica e naturalistica.


  • fot. K. Peczalski
    fot. K. Peczalski
  • fot. K. Peczalski
    fot. K. Peczalski
  • fot. K. Peczalski
    fot. K. Peczalski
  • fot. K. Peczalski
    fot. K. Peczalski
  • fot. K. Peczalski
    fot. K. Peczalski
  • fot. K. Peczalski
    fot. K. Peczalski

Se vuoi saperne di più iscriviti alla nostra newsletter