Warsaw 13.9 ºC
1 EUR = 4.31 PLN
Contattaci
Chiesa dell'Assunta di Niegowic

Padre Karol Wojtyła ha raggiunto la sua prima parrocchia indossando una tonaca consunta, scarpe calpestate e una valigetta logora. È arrivato su un carro da fieno, con lo stupore del contadino che lo guidava.

Il 1 novembre 1946 il cardinale Adam Stefan Sapieha ordinò sacerdote Karol Wojtyła nella cappella del palazzo arcivescovile di Cracovia. In precedenza, nel 1942, fu Sapieha a decidere di ammettere Wojtyła al seminario clandestino di Cracovia, e poi a supervisionare la sua formazione. È stato lui a indicare la prima parrocchia di Wojtyła dopo l’ordinazione.

La parrocchia, situata a 50 km da Cracovia, contava tredici villaggi, tra cui Niegowić, sparsi su entrambi i lati del fiume Raba

La povertà era grande: non c'era acqua corrente, né fognature , né elettricità - gli abitanti usavano ancora delle lampade a petrolio. Inoltre, poco prima dell’arrivo di Wojtyła, l’area era stata colpita da un’alluvione , che ha distrutto molte strade di accesso.

Il giovane sacerdote non è arrivato “come un gran signore” in macchina: “Ho preso un autobus da Cracovia a Gdów, e da lì un contadino mi ha dato un passaggio su un carro. Poi mi ha consigliato di seguire il sentiero tra i campi, perché quella era la via più corta. In lontananza si vedeva già la chiesa di Niegowić. Ricordo che a un certo punto mi inginocchiai e baciai la terra”- ricordò anni dopo Giovanni Paolo II.

Il contadino, proprietario del carro, era perlomeno sorpreso dall’aspetto e dal modo di viaggiare così modesto del nuovo vicario. Wojtyła conquistò subito i cuori degli abitanti. 

Non solo ha svolto diligentemente i doveri del suo ministero pastorale, ma ha anche organizzato un circolo teatrale che ha messo in scena due spettacoli con la partecipazione degli studenti nella casa parrocchiale del villaggio. 

Il Santo Padre ha portato i giovani di Niegowić due volte in un teatro a Cracovia e ha anche avviato la costruzione di un nuovo tempio in mattoni, consacrandolo già da vescovo nel 1966.

Un ricordo di padre Wojtyła a Niegowić è la porta della Chiesa Parrocchiale dell’Assunta, decorata con rilievi in bronzo raffiguranti gli eventi più importanti della vita di Giovanni Paolo II.

In quattro scene viene rappresentata l'attività parrocchiale di padre Karol: un bacio alla terra davanti alla cappella di Marszowice, il benvenuto al Signore Gesù nella vecchia chiesa all’arrivo in parrocchia, il sacramento della penitenza e l’insegnamento davanti alla chiesa (l’antica chiesa in legno di larice dove Wojtyła prestava il servizio è stata trasferita a Mętków vicino a Babice). 

La porta è stata realizzata per celebrare il 50 anniversario della benedizione della chiesa. Il soffitto del presbiterio è decorato con un dipinto raffigurante un giovane sacerdote Wojtyła che prega davanti al dipinto della Madonna Assunta chiamata Nostra Signora di Niegowić - il quadro stesso, dipinto nel XVII secolo, si trova nell’altare della chiesa. C'è anche una copia della lapide sepolcrale della tomba di Giovanni Paolo II dal Vaticano. 

Tuttavia il ricordo più grande è il confessionale originale in cui padre Wojtyła confessava i fedeli. Di fronte alla chiesa, c’è, probabilmente, l’unica statua al mondo che raffigura Karol Wojtyła in una semplice tonaca da prete - realizzata da Romano Pelloni, un pittore, scultore e medaglista italiano. Il monumento è alto 4 metri ed è realizzato in granito e bronzo.

L’8 maggio 2000, in occasione dell’ottantesimo anniversario della nascita di Giovanni Paolo II, è stato aperto il Sentiero Papale lungo 12 km che porta da Niegowić a Łapanów. Ogni anno a maggio viene organizzato il Raid del Sentiero Papale.

Fonte foto introduttiva: Parrocchia dell'Assunta di Niegowić

Se vuoi saperne di più iscriviti alla nostra newsletter